Festival di Resistenza: il 7 luglio alle 19 inaugura “Materia prima”, la mostra fotografica di Anna Campanini

 

Giovedì 7 luglio 2022 alle 19 si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica di Anna Campanini Materia prima. Fotografie di scena, viaggiando fra i teatri, visitabile fino al 31 luglio. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Comune di Gattatico.

Evento Facebook

Festival di Resistenza 2022

Festival 2022: il programma completo


Materia Prima
di Anna Campanini è una serie di quaranta fotografie analogiche in bianco e nero stampate su carta baritata ai sali d’argento, scattate a partire dal 2012 in diversi teatri di Parma e di Reggio Emilia e selezionate tra quelle che l’autrice ritiene maggiormente significative per esprimere la sua idea di teatro, legata al sogno, al rapporto dell’attore o del danzatore con la luce e con il nero. Nel suo concetto di fotografia di scena, Campanini entra nello spettacolo, offre nuovi punti di vista, reagisce all’evento scenico con scatti che accendono nuove domande, creando immagini indipendenti, portatrici di senso, a volte non direttamente rintracciabili nello spettacolo, e segue gli stimoli sollecitati dalla propria visione. Con questo suo approccio intende proporci una visione autonoma e critica al contempo, senza accettare che il teatro sia solo ciò che appare durante lo spettacolo, ma che possa essere interpretato fino a svelare qualcosa che si nasconde fra le scene, altrove, nella memoria di ogni spettatore.

Non una documentazione razionale dello spettacolo teatrale, ma una fotografia di scena che vuole “vedere oltre”, che parla di teatro anche se il teatro non ce lo fa vedere. Una rappresentazione profonda del rapporto tra l’evento scenico e la sensibilità dell’autrice, che riflette sull’elemento principe della scena, ovvero l’attore/danzatore e il suo corpo, e dunque, la materia prima plasmata dai contrasti di luce e buio e dall’atto fotografico.

Anna Campanini nasce a Parma nel 1973. Comincia a fotografare nel 2004, in teatro nel 2010 in diversi teatri della città e successivamente di Reggio Emilia. Ha collaborato con la regista Andreina Garella e l’associazione culturale Festina Lente Teatro, una compagnia indipendente che fa drammaturgia a Parma con donne migranti e native, e a Reggio Emilia con gli ospiti e gli operatori del Dipartimento di Salute Mentale della città.
Dal 2014 collabora con Etoile Centro Teatrale Europeo di Reggio Emilia. Ha fotografato la stagione teatrale 2015/2016 del Teatro delle Briciole di Parma. Le sue foto sono state selezionate in molti concorsi nazionali. Ha partecipato a diversi workshop tenuti da importanti fotografi. Ha esposto i suoi lavori in mostre personali in Italia.

Sue fotografie di teatro sono conservate presso il Lincoln Center di New York (New York Public Library, Billy Rose Theatre Division), il Museo Nazionale di Teatro e Danza di Lisbona, il Museo della Fotografia di Charleroi.
«La selezione – spiega la fotografa – è frutto di una scelta tra alcuni degli scatti per me più significativi, perché rispecchiano il mio modo di osservare la scena. Quando fotografo uno spettacolo cerco di riscrivere non tanto la perfezione della composizione coreografica. Non mi  interessa bloccare il movimento, ricavare il documento freddo del corpo, ma restituire lo slancio vitale, il dinamismo. Dell’attore mi affascinano le espressioni, la gestualità. Ciò che conta per me nella fotografia di scena è interpretare, trasformare in altro lo spettacolo ritratto: esprimere il senso di un fatto scenico senza limitarsi alla mera descrizione didascalica».

Le immagini ci mostrano aspetti diversi della teatralità del linguaggio corporeo. Alcune ci mostrano pezzi di braccia e gambe, altre trasparenze e bagliori che possono nascondere e svelare forme ed espressioni, altre ancora maschere o movimenti che ci seducono e contemporaneamente ci turbano. Spostandosi da un genere all’altro della fotografia di teatro, Anna Campanini trasforma l’atto fotografico in un riflesso naturale della scena, sceglie i momenti più decisivi e significativi della performance e li sintetizza visivamente nelle sue immagini.

Prova anche

Il 31 agosto a Reggio Emilia l’incontro “Mai più la pace?” organizzato da Istituto Cervi, Istoreco e ANPI Reggio Emilia

“Mai più la pace?”. È una domanda dolorosa quanto attuale, quella al centro dell’incontro in programma mercoledì 31 agosto a La Festa, nella zona dell’Aeroporto di Reggio Emilia, organizzato dall’Istituto Alcide Cervi, dal Istoreco e da ANPI Reggio Emilia.