Abete bianco

Abies alba

Abét, pēla o anche piéla in dialetto, anche se tutti lo chiamano pèin. È un albero sempreverde che può raggiungere i 60 metri di altezza. La sua chioma è piramidale; la corteccia si presenta liscia e grigiastra negli esemplari più giovani, ha invece tonalità assai più scure nelle piante in età più avanzata. Le foglie, aghiformi e persistenti, di colore verde scuro sul lato superiore, hanno due sottili righe bianche caratteristiche sulla parte inferiore. Sono disposte a pettine sui rami, in due file opposte di piccole dimensioni. I fiori sono delle infiorescenze che nascono sulla parte inferiore dei rami in un periodo compreso tra maggio e giugno. I frutti sono le tipiche pigne dall’aspetto cilindrico e struttura eretta, con lunghezze che arrivano a 15 centimetri e che a maturità si sfaldano in squame.

È scarsamente coltivato in Italia, la maggior parte degli esemplari viene utilizzata per produrre alberi di Natale. Si utilizza il legno, che ha la caratteristica di essere quasi privo di resina, contrariamente a qualsiasi altra conifera.

Abies deriva dal latino abire “allontanarsi, estendersi” e allude alla grande altezza che può raggiungere; alba significa “bianca”.

 

Torna alla mappa virtuale del Parco Agroambientale

Prova anche

Protetto: Festival di Resistenza 2020 – Area Riservata Stampa

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.