Concorso Fotografico Nazionale – Premio Scuola di Paesaggio Emilio Sereni 2020

La Biblioteca Archivio Emilio Sereni dell’Istituto Alcide Cervi presenta

la VII Mostra Fotografica Nazionale

PREMIO SCUOLA DI PAESAGGIO EMILIO SERENI

CITTÀ E CAMPAGNA
Immagini delle relazioni tra mondo rurale e urbano

La Scuola di Paesaggio “Emilio Sereni” – Storia del paesaggio agrario italiano – XII Edizione, in collaborazione con L’Artificio di Reggio Emilia, Parma Fotografica di Parma e La Bottega Photographica di Boretto, promuove la Settima Mostra Fotografica Nazionale PREMIO SUMMER SCHOOL EMILIO SERENI

Scarica > Bando di concorso        Scarica > Modulo di iscrizione

La partecipazione al concorso fotografico è gratuita e aperta a tutti.

Le fotografie in gara ritenute più meritevoli verranno esposte presso Casa Cervi in una Mostra che sarà aperta al pubblico dal 25 agosto al 30 settembre 2020.

DEADLINE

Termine consegna opere: giovedì 30 luglio 2020
Invio esito della Giuria: entro lunedì 10 agosto 2020
Premiazione: 25 agosto 2020 – Biblioteca Archivio Emilio Sereni, Istituto A. Cervi
Apertura mostra: 25 agosto – 30 settembre 2020

Evento Facebook del Concorso fotografico

Vincitori del Premio Scuola di Paesaggio Emilio Sereni 2020

Tutte le fotografie

 

Il tema del concorso della Settima Mostra fotografica Premio Scuola di paesaggio Emilio Sereni pone l’attenzione sulle relazioni tra mondo rurale e realtà urbana. Relazioni materiali (urbanistiche, infrastrutturali, industriali, commerciali, alimentari, ecc.), ambientali (energia, piste ciclabili, alberature, schermature acustiche, canali, ecc.), immateriali e simboliche (feste, tradizioni, costumi, ecc.) o comunque a tutto ciò che riproduce elementi di connessione tra ambiente agricolo e ambiente urbano. Essi ci dicono come il paesaggio italiano, già dalla metà del secolo scorso, abbia cominciato a perdere i connotati della ruralità diffusa che lo avevano caratterizzato nella prima metà per trasformarsi in contesti progressivamente urbanizzati e, spesso, ad elevata infrastrutturazione dove i confini tra città e campagna diventano sfumati e ambigui.
L’agricoltura intensiva della monocultura e della zootecnia industriale si alterna oggi all’insediamento industriale ad elevata densità, alle frange di tessuto dello sprawl urbano, contraffacendo i tratti tipici del paesaggio periurbano tradizionale. E il paesaggio rurale alterna zone ad elevata intensità produttiva con vasti ambiti agricoli al limite dell’abbandono.
All’obbiettivo del fotografo si chiede di cogliere questi aspetti, rappresentando significati, problemi e prospettive di questa evoluzione paesaggistica, alla quale corrisponde anche una trasformazione economica e sociale.

Saranno accettate le fotografie che in modo pieno, originale e suggestivo, sapranno interpretare la tematica indicata.

La GIURIA è composta da:
Rosario Bellan delegato provinciale F.I.A.F.
Gabriella Bonini responsabile Scuola di Paesaggio Emilio Sereni
Lucio Braglia presidente L’ARTIFICIO Reggio Emilia
Matteo Colla architetto e fotografo
Antonella De Nisco artista Land art
Enzo Zanni fotografo
Giovanna Ziveri presidente ParmaFotografica Parma

 

Prova anche

“Il paesaggio violentato”: intervista a Giorgio Vecchio

L'intervista al professor Giorgio Vecchio sulla recente pubblicazione "Il paesaggio violentato. Le due guerre mondiali, le persone, la natura", curato insieme a Gabriella Gotti, primo volume nato dalla collaborazione tra l'Istituto Alcide Cervi e Viella Editrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.