KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

⇒ LA BIBLIOTECA ARCHIVIO “EMILIO SERENI” – #CASACERVIRESTACONVOI

⇒ LA BIBLIOTECA ARCHIVIO “EMILIO SERENI”
da leggere, da ascoltare, da guardare … 

IL GIOCO DEI REGNI di Clara Sereni
Audiolibro

La scrittrice Clara Sereni, scomparsa da poco, percorre a ritroso la vita della straordinaria famiglia in cui si è trovata a nascere, dalla Roma del ghetto e del papa alla Rivoluzione russa e alle due guerre mondiali, dalle leggi razziali ai campi di sterminio, dal Ventennio fascista alla Costituente, dal sogno sionista a quello comunista. I passi della famiglia Sereni s’intrecciano inestricabilmente con quelli del XX Secolo.
Clara è la figlia di Emilio Sereni e di Xenia Silberberg, o Marina Sereni per il cognome assunto con il matrimonio e il nome scelto durante la clandestinità antifascista. Le donne sono le vere protagoniste del libro: Alfonsa Pontecorvo in Sereni, sposa di Samuele (Lello) Sereni, medico della famiglia reale e membro della migliore borghesia ebraica. Alfonsa, la madre dei tre fratelli Sereni: Enrico, Enzo, Emilio (Mimmo), tutti con l’iniziale E come una dinastia. Nonna Xenia, scappata dalla Russia zarista incita di Clara, dopo la morte del marito condannato all’impiccagione come rivoluzionario…. BUON ASCOLTO!
clicca qui

EMILIO SERENI COLTIVATORE DI PACE
programma ITALIANI di Paolo Mieli (2018)
Emilio Sereni, un uomo di partito, poliedrico e raffinato, uno studioso e un intellettuale dai molteplici interessi. Giovanni Paolo Fontana lo racconta in questo documentario dove, grazie alla testimonianza delle figlie Marinella, Clara, Anna e Marta, emergono aspetti familiari e umani ancora poco noti. Lo storico Giorgio Vecchio descrive l’esistenza coerente di Emilio Sereni, mostrando un uomo pubblico che agisce per il bene collettivo. E poi il ricordo affettuoso del Presidente emerito Giorgio Napolitano, che sottolinea quanto Sereni si sia speso per la pace, per la ricostruzione post-bellica e per le problematiche legate al mondo rurale. Il documentario è il ritratto di un uomo e di un politico che ha saputo usare la cultura come collante tra le persone, come linfa per nutrire rapporti, come dono per quanti avranno la fortuna di conoscerlo nel futuro, che si avvale anche dell’immenso archivio, che oggi porta il suo nome, conservato nel Centro di Gattatico vicino a Reggio Emilia.
clicca qui

I FRATELLI SERENI
programma PASSATO E PRESENTE di Paolo Mieli (2020)
Di famiglia borghese, ebrea non ortodossa, i fratelli Enzo ed Emilio Sereni irrompono nel più tragico capitolo della storia del Novecento – dall’affermazione del fascismo alla fine della II guerra mondiale – con due visioni contrapposte: Enzo, sionista, insegue il sogno della creazione di un stato ebraico in Palestina; Emilio, antifascista, persegue l’ideale di una società comunista. I fratelli Sereni andranno incontro a destini diversi e per altro verso simili. La loro storia è ripercorsa dalla professoressa Alessandra Tarquini. Enzo muore nel 1944, a Dachau, senza poter assistere al compimento del suo sogno: la nascita dello Stato di Israele che si realizzerà quattro anni dopo. Emilio partecipa alla lotta di liberazione dal nazifascismo e diventa ministro della neonata Repubblica. Dopo una lunga vicenda politica nel Partito Comunista, Emilio si spegne nel 1977, dodici anni prima del crollo del Muro di Berlino e degli ideali per i quali aveva combattuto per tutta la sua vita.
clicca qui

QUANTE STORIE – MIRELLA SERRI E I GIOVANI DISSIDENTI ANTIFASCISTI
programma QUANTE STORIE condotto da Giorgio Zanchini (2020)
Furono i primi a ribellarsi al fascismo imperante: da Giorgio Amendola a Emilio Sereni, da Giuseppe Di Vittorio a Maurizio Valenzi. La giornalista e scrittrice Mirella Serri racconta le vite dei giovani dissidenti che con le loro limitate forze, ben prima della Resistenza, si opposero al regime di Mussolini. Vite avventurose, segnate dall’esilio e da un’utopia che allora sembrava disperata, ma che fu il primo seme della ribellione da cui nacque l’Italia democratica.
clicca qui

PASSAGGI & PAESAGGI
Il progetto, che si compone di 12 video, intende ridurre le distanze tra il contenuto specialistico della Biblioteca Archivio Emilio Sereni, il pensiero e l’azione dello studioso, i suoi scritti sul paesaggio, sull’agricoltura, sulle lotte per la terra, e le trasformazioni nelle campagne che avvengono nell’oggi. I video sono trasmessi a cadenza quindicinale sul canale YouTube dell’Istituto Alcide Cervi. Attraverso la voce di docenti universitari e studiosi, ci parlano del paesaggio come patrimonio culturale, come bene comune, valore e memoria, con l’obiettivo, appunto, di comunicare e divulgare i risultati delle ricerche con un linguaggio accessibile a tutti: video, immagini e disegni.
clicca qui

Prova anche

⇒ Caro Papà Cervi … – #CASACERVIRESTACONVOI

Caro Papà Cervi …  1970-2020 L’ANNO DI ALCIDE → I PROSSIMI 50 ANNI CON ALCIDE …