Proiezione film “Libere” di Rossella Schillaci > 4 luglio 2017

Ritorna per il secondo anno consecutivo al Museo Cervi Libero Cinema in Libera Terra, il festival di cinema itinerante contro le mafie promosso da Libera Contro le Mafie e Cinemovel Foundation.

Una tappa sempre più importante del festival che anche quest’anno con “Libere”, splendido documentario di Rossella Schillaci, riparte dal ruolo delle donne nei percorsi che conducono alla libertà.
Al centro della serata le voci delle donne che hanno fatto la Resistenza e che hanno lottato per la libertà, l’emancipazione, la parità nel lavoro e nella famiglia.

PROGRAMMA

ore 21.00 Proiezione del film “Libere” di Rossella Schillaci (Italia 2017, 76 min)
Voci di donne raccontano: la Resistenza partigiana, l’emancipazione, la conquista della libertà e il ritorno forzato alla casa dopo la Liberazione. Rossella Schillaci, recuperando le testimonianze d’archivio di donne e partigiane, ricostruisce quello che è stato considerato il primo passo verso il femminismo in Italia. Un montaggio suggestivo di materiali d’archivio e voci, un approccio anti eroico, nessun volto in scena, solo mani che indagano nella Storia. Dalle voci delle partigiane il racconto di quel periodo, “rivissuto” dal loro stesso punto di vista dove la lotta è vista anche come emancipazione e ricerca di libertà, dove si acquista una maggiore libertà sessuale e si richiede la parità nel lavoro e nella famiglia.
Un ricordo rispettoso, un appello appassionato a non dare mai per scontata la libertà e a non smettere di impegnarsi per un mondo diverso.

Opening Act: Schegge di Rifiutopoli, performance tra cinema, fumetto e lavagna luminosa

Evento gratuito

Partecipa –> all’evento facebook

TRAILER FILM

Prova anche

Guarda il video della Festa della Repubblica con Casa Cervi

In occasione del 74°esimo anniversario della nascita della Repubblica italiana, Casa Cervi ha preparato un video con interventi e testimonianze: dal saluto di Albertina Soliani, che ricorda le 21 donne dell'Assemblea Costituente, alla lettura di alcune pagine più belle di Alcide Cervi, morto 50 anni fa.