Voci di donne: un omaggio alle donne resistenti di ieri e di oggi

 

L’Istituto continua a impegnarsi nella costruzione di iniziative e di progetti sulla storia delle donne, a partire dal ruolo che le donne hanno avuto nell’antifascismo e nella Resistenza. In occasione della Giornata Internazionale della Donna, il 4, l’8 e il 12 marzo 2021 si terranno tre eventi online, dedicati alla partigiana e attivista Lidia Menapace, recentemente scomparsa, e a Maria Cervi, figlia di Antenore, nelle pagine del volume Con gli occhi di una bambina (Viella Editore), di Laura Artioli. Le dirette verranno trasmesse su Zoom e sui canali social dell’Istituto. 

“Questo percorso – scrive Paola Varesi, responsabile del Museo Cervi e promotrice del progetto – diventa non solo ricerca sul ruolo e sul protagonismo femminile ma, superando chiavi di lettura consolidate, conduce verso nuovi modelli interpretativi sia degli eventi di storia contemporanea sia della storia della famiglia Cervi: queste nuove letture apriranno infatti nuovi punti di vista anche per il riallestimento del Museo in corso. Si tratta di un percorso ampiamente avviato, in sintonia con i mutamenti degli equilibri in corso; e con gli accadimenti che stiamo vivendo: è questo lo spirito con cui l’Istituto prepara la data dell’8 marzo, tappa del calendario civile, di cui intende valorizzare i molteplici significati: civile, storica, di memoria, ma anche la sua attualità e la necessità di tenerne vivo il significato anche per le giovani generazioni”.

GLI INCONTRI

4 marzo 2021, ore 17

Presentazione online “Con gli occhi di una bambina. Maria Cervi, memoria pubblica della famiglia”

Organizzata dal Comune di Firenze

 

8 marzo 2021, ore 17
Evento online in diretta sulla pagina Facebook e su Zoom

Resistenza, politica, femminismo. In ricordo di Lidia Menapace

 

12 marzo 2021, ore 17
Evento online in diretta sulla pagina Facebook e su Zoom

La storia siamo anche noi. 

Dialogo con Laura Artioli a proposito del libro Con gli occhi di una bambina: Maria Cervi memoria pubblica della famiglia

Organizzata in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia – Assessorato alle Pari Opportunità

 

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Si parte giovedì 4 marzo 2021 alle 17, con la presentazione di Con gli occhi di una bambina. Maria Cervi, memoria pubblica della Famiglia”, di Laura Artioli, organizzata dal Comune di Firenze. “Il libro – spiega Paola Varesi – ripercorre la vita di Maria Cervi, figlia di Antenore Cervi, la più grande degli undici nipoti di Alcide Cervi e Genoeffa Cocconi, figura fondamentale per capire le tappe attraverso le quali si costruisce la dimensione pubblica della storia della Famiglia Cervi”. Sempre sul libro si parlerà il 12 marzo alle 17, nell’incontro La storia siamo anche noi: insieme all’autrice, interverranno Albertina Soliani, Presidente dell’Istituto Alcide Cervi, e Annalisa Rabitti, Assessore alla Cultura e alle Pari Opportunità del Comune di Reggio Emilia. L’incontro online è organizzato in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia – Assessorato alle Pari Opportunità. 

L’8 marzo, invece, è in programma Resistenza, politica, femminismo. Un ricordo di Lidia Menapace, dedicato alla partigiana e attivista scomparsa di recente. Con Albertina Soliani ci sarà Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC, e le giornaliste Giuliana Sgrena e Laura Gnocchi. All’inizio dell’incontro verrà proiettata una breve video-intervista alla Menapace, contenuta negli archivi dell’Istituto e presente nel portale memorieincammino.it.

Gli incontri saranno fruibili gratuitamente su piattaforma Zoom e verranno trasmessi in diretta live sulle pagine Facebook Museo Cervi e Istituto Alcide Cervi.  Durante la settimana dell’8 marzo, l’Istituto Alcide Cervi ricorderà, tramite i canali social, la lotta di donne resistenti di ieri e di oggi: da Liliana Segre a Aung San Suu Kyi.

SEGUI I NOSTRI SOCIAL

Prova anche

L’Istituto Alcide Cervi tra i promotori della petizione all’Onu per salvare il Myanmar

Il Cda dell'Istituto di Gattatico (Reggio Emilia) ha approvato l'adesione al network internazionale “Alliance for a democratic Myanmar” e alla petizione dove si chiede che l'Assemblea Generale dell'ONU riconosca come titolare del seggio del Myanmar U Kyaw Moe Tun, attuale Ambasciatore nominato dal governo democratico di Aung San Suu Kyi e oppositore del golpe militare.