Il Tricolore, scelta di Libertà. Casa Cervi, un luogo giusto dove passare il 7 gennaio

«La festa del Tricolore non è mai stata solo la festa di un vessillo, diventato poi la bandiera nazionale. Ha sempre incarnato una volontà popolare di libertà, di autodeterminazione, di valori repubblicani. Il percorso del Tricolore è stato accidentato, a riprova che non basta mai solo una bandiera per fare una comunità, per sancire un valore, per essere un popolo. Ma la scelta di libertà resta al centro di quel simbolo, e di quella storia. 

La stessa scelta è al centro del nuovo Museo Cervi. Recita proprio così il rinnovato percorso di Casa Cervi, dentro la storia della famiglia, dentro la storia dell’antifascismo, agli albori della nostra Costituzione. La “scelta di libertà” accoglie i visitatori, rivive nelle sale, risuona nelle parole della memoria e della storia.

Quando i partigiani lo hanno raccolto, il Tricolore non stava benissimo: era stato brandito come arma dal nazionalismo, sottoposto al fascio littorio per 20 anni, sventolato su ogni impresa coloniale e bellica, umiliato dalla monarchia. Aveva conservato però tutta la sua carica positiva, ereditata all’atto di nascita, nella nostra Sala del Tricolore, in quel non così lontano 1797. I Resistenti e tutti gli antifascisti lo sapevano: per questo il 25 aprile resta il giorno, più di tutti, in cui i colori della nostra bandiera vestono a festa ogni strada.

Sabato 7 gennaio a Reggio Emilia sarà una giornata importante, e tutti gli Italiani ricorderanno quando e perché e nata la loro bandiera. È altrettanto importante conoscerne il viaggio, e il suo riscatto attraverso la Resistenza e la Repubblica. Per chi vuole toccare con mano una di queste tappe, Casa Cervi è il luogo giusto. Nel cuore di una delle innumerevoli storie antifasciste che la nostra Patria può raccontare. 

È la nostra storia. È la nostra bandiera. La troverete come sempre a sventolare sui Campirossi, e il 7 gennaio un po’ più su».

Istituto Alcide Cervi
Articolo pubblicato sulla Gazzetta di Reggio il 6 gennaio 2023.

Prova anche

Albertina Soliani: «In Brasile un attacco alla democrazia»

«Occorre difendere, proteggere la democrazia ovunque essa viene messa in discussione».