Albertina Soliani: “Aung San Suu Kyi condannata a 33 anni complessivi: liberatela subito”

Chi vuole può diffondere il messaggio e inviare una protesta all’Ambasciata del Myanmar a Roma alla email [email protected].

«Si è concluso stamattina a Naypyidaw il processo ad Aung San Suu Kyi: 33 anni complessivi di carcere. Il resto della vita, la sua esclusione dalla vita politica del Paese. 

Un altro colpo alla democrazia in Myanmar, un altro ostacolo sulla strada della riconciliazione e della pace. 
Un processo illegale e immorale, come il colpo di Stato, gli arresti, le torture, le uccisioni contro il popolo. 
La recente risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, la prima sul Myanmar in 75 anni, come la recente legge degli Stati Uniti sul Myanmar, chiede la liberazione di tutti i prigionieri politici e il ripristino della democrazia. 

Il Myanmar ha bisogno oggi di tutti noi, e noi prendiamo luce da loro per la fiducia nella democrazia e l’impegno per il rispetto dei diritti umani universali ovunque nel mondo». 

Albertina Soliani
Presidente Istituto Alcide Cervi e Vicepresidente ANPI
Già Senatrice e già Presidente dell’Associazione parlamentare “Amici della Birmania”

Prova anche

“Liberare il Myanmar”: l’appello di Albertina Soliani due anni dopo il golpe militare

«Due anni dopo il colpo di stato dei militari in Myanmar, continua la resistenza di un intero popolo. Continua la resistenza in carcere di Aung San Suu Kyi, recentemente condannata a 33 anni di reclusione alla fine di un processo farsa».