“Cari Amici” di Albertina Soliani: firma la petizione per salvare il Myanmar (15.9.2021)

Cari Amici,

nel silenzio della comunità internazionale sul Myanmar, sento la responsabilità, insieme con altri amici, di fare tutto il possibile per il popolo birmano che merita di stare al mondo, come tutti noi e gli altri popoli, in piena dignità e sicurezza. Sta lottando per questo, e noi siamo con lui.

Ieri è stata lanciata da noi una petizione internazionale, rivolta all’Onu e alla comunità internazionale, per salvare il Myanmar. Abbiamo costituito per questo un network internazionale che si chiama “Alliance for a democratic Myanmar”. Con la petizione chiediamo che l’Assemblea Generale dell’ONU, che si riunisce nei prossimi giorni, riconosca come titolare del seggio del Myanmar U Kyaw Moe Tun, attuale Ambasciatore nominato da Aung San Suu Kyi, che si è opposto al golpe. Nelle settimane scorse sicari della giunta militare hanno tentato di ucciderlo a New York.

La situazione all’ONU sembra orientarsi positivamente, ma c’è bisogno di molta pressione.

Potete sottoscrivere la petizione a questo link.

Ve la allego nelle versioni in italiano, inglese, birmano, francese. Cercate di diffonderla.

E’ un modo concreto per sostenere il popolo del Myanmar in questo momento, contrastando le attese dei militari.

La petizione chiede anche l’immediata apertura di canali per aiuti umanitari, di fronte alla pandemia incontrollata.

I primi firmatari della petizione sono personalità di tutto il mondo, per l’Italia ci sono Romano Prodi, Laura Boldrini, Pier Ferdinando Casini, Sandra Zampa, Flavia Bustreo e io.

Tra i firmatari c’è anche Kim Aris, il figlio minore di Aung San Suu Kyi che vive a Londra. Sono in contatto con lui, egli è consapevole che la vita della sua famiglia è intrecciata con la vita della Birmania.

In questi giorni Aung San Suu Kyi è tornata in udienza ma non stava bene. Era raffreddata, stordita, con capogiri e molto debole. Pare che avesse sofferto anche per il viaggio in auto. Ieri stava un po’ meglio.

Penso incessantemente che la situazione del Myanmar sia intollerabile e debba cambiare al più presto. Lavoriamo con tutte le nostre forze.

A novembre, dal 15 al 20, il Comune di Parma, nell’ambito del programma Parma Capitale Italiana della Cultura, promuoverà eventi e dibattiti sul Myanmar, in collaborazione con la nostra Associazione e con l’Istituto Cervi. Vi daremo presto il programma preciso.

Mi fermo qui chiedendovi di leggere, diffondere, e fare vostra la petizione allegata.

Se le persone si mobilitano, anche gli Stati e le Organizzazioni Internazionali si muoveranno.

Vi auguro ogni bene.

Albertina

Prova anche

“Ne abbiamo abbastanza. Ne avevamo avuto già abbastanza”. L’editoriale di Albertina Soliani

"Sabato 9 ottobre 2021, si è consumato un atto senza ritorno per la consapevolezza nazionale. Una manifestazione pacifica e imponente di cittadini contrari alle disposizioni governative in merito al controllo della salute pubblica si è trasformata in un attacco preciso e premeditato alla sede del principale sindacato italiano, lasciando ampia e documentata devastazione."