Home > Archivio iniziative > Archivio Memoria > LA RESISTENZA DELLE DONNE, 14 novembre 2015
LA RESISTENZA DELLE DONNE, 14 novembre 2015

LA RESISTENZA DELLE DONNE, 14 novembre 2015

Con un minuto di silenzio per le vittime delle orrende stragi di qualche ora prima, a Parigi, e solamente un giorno prima a Beirut, la Presidente dell’Istituto Alcide Cervi Albertina Soliani e la Consigliera regionale dell’Emilia Romagna Roberta Mori hanno voluto aprire l’incontro a Casa Cervi, dedicato alla memoria delle donne che hanno fatto la storia della libertà in Italia e nel mondo.

Non poteva che iniziare così l’incontro con la partigiana Teresa Vergalli a Casa Cervi nel giorno della commemorazione di Genoeffa Cocconi a 71 anni dalla sua scomparsa. Un richiamo alla tragedia che ha colpito la Francia e con essa la democrazia e un sistema di valori e una pace conquistata duramente dalle donne e dagli uomini di quel tempo. Donne, meglio dire ragazze, come era allora Teresa Vergalli, ospite speciale di Casa Cervi per questa iniziativa dal titolo “La Resistenza delle donne, fra memoria e nuove prospettive di ricerca”.

La memoria di Teresa Vergalli si è intrecciata con la storia di altre biografie di resistenti del territorio di Reggio Emilia e non solo, nel suo ultimo libro “Un cielo pieno di nodi”. Con la testimone–autrice ne hanno parlato Giancarla Codrignani, già deputata alla Camera e storica figura della lotta dei diritti delle donne e dei più deboli, e Gemma Bigi, ricercatrice storica che ha interagito direttamente con l’ospite in un dialogo tra generazioni assai suggestivo.

La giornata è stata presieduta e coordinata da Roberta Mori – rappresentante dell’Assemblea regionale nel comitato Soci dell’Istituto Cervi -, che ha messo in rilievo il ruolo delle donne per il cambiamento, i diritti sociali e il dialogo tra culture. Nel suo intervento introduttivo la Presidente dell’Istituto Cervi, Albertina Soliani, si è ricollegata non solo alla dolente attualità degli attacchi terroristici, ma anche alla cornice di senso che oggi la storia delle donne può dare alla prospettiva morale del Paese, e della memoria in quanto tale. “Donne come Genoeffa Cocconi e Teresa Vergalli ieri, o Aung San Suu Kyi oggi, sono la speranza e il coraggio di cui abbiamo bisogno per affrontare le terribili sfide del nostro tempo.”