Home > Archivio iniziative > Archivio Paesaggio > Contributo alla CARTA DI MILANO con la Regione Emilia-Romagna

Contributo alla CARTA DI MILANO con la Regione Emilia-Romagna

INSEGNARE IL PAESAGGIO a Expo 2015

La formazione e l’educazione per una cultura del paesaggio nell’eredità di Emilio Sereni e nell’esperienza della Regione Emilia Romagna.FORUM_INSEGNARE ILPAESAGGIO!20150907Firmare la Carta di Milano è un atto di partecipazione attiva alla costruzione del nostro futuro ed anche l’Istituto Alcide Cervi, con la Biblioteca Archivio Emilio Sereni, insieme alla Regione Emilia-Romagna, hanno fatto la propria parte con il contributo dal titolo Insegnare il paesaggio. La formazione e l’educazione per una cultura del paesaggio nell’eredità di Emilio Sereni e nell’esperienza della Regione Emilia Romagna.

Si tratta del  documento congiunto espresso dal FORUM che ha visto protagonisti il 20 settembre scorso all’EXPO 2015 l’Istituto Alcide Cervi insieme alla Regione Emila-Romagna, ora pubblicato e visionabile sul sito ufficiale della Carta di Miliano (carta.milano.it).

A Milano, domenica 20 settembre 2015, nella Sala meeting del quarto piano di Palazzo Italia, il forum “INSEGNARE IL PAESAGGIO”, composto da professori afferenti al Comitato Scientifico dell’Istituto Cervi e da amministratori e funzionari pubblici della Regione, ha messo a punto un documento incentrato sui legami tra cibo e paesaggio, con l’intento di mostrare come l’obiettivo generale di “nutrire il pianeta” si possa conseguire anche attraverso adeguate politiche di salvaguardia e di valorizzazione del paesaggio, di quello agrario in particolare, come specchio di una agricoltura sostenibile e della qualità delle produzioni alimentari.

Il Forum è stato coordinato da Anna Mele, responsabile del Servizio pianificazione e paesaggio della Regione e concluso da Rossano Pazzagli, storico dell’Università del Molise, territorialista e direttore della Summer School intitolata a Emilio Sereni che l’Istituto Cervi organizza ogni anno nella sua sede di Gattatico. “Partendo dal cibo che costituisce l’obiettivo centrale della Carta di Milano – ha detto Rossano Pazzagli diventa necessario considerare la questione del paesaggio, inteso come il risultato dell’incontro tra uomo e natura orientato a produrre beni alimentari attraverso l’agricoltura”.

Nel forum sono emerse in particolare le tematiche di un recupero del protagonismo degli individui e delle comunità, della partecipazione come base della democrazia e della democrazia alimentare in particolare, della vulnerabilità del territorio, di un nuovo rapporto tra locale e globale, tra città e campagna e tra saperi esperti e saperi contestuali.
Tutto questo dovrà sfociare in impegni concreti per la formazione e l’educazione al paesaggio, collegata all’educazione ambientale e alimentare. Un’azione pedagogica e culturale che accompagni le nuove generazioni verso una consapevolezza piena dell’importanza pratica, simbolica, etica e civile del paesaggio, a partire dal suo rapporto con il lavoro e con l’alimentazione.

Sulla necessità di nuove strategie e nuove politiche su paesaggio e cibo si è soffermata la sen. Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Cervi: “Bisogna partire dal ruolo importante dell’agricoltura e dal valore sociale dei contadini, per fare in modo che anche la questione del cibo sia affrontata a livello italiano e mondiale secondo metodi e principi di democrazia e di giustizia, che rimandano tra l’altro all’esperienza della famiglia Cervi”.

L’iniziativa a Expo ha rappresentato una interessante finalizzazione delle esperienze culturali e formative condotte in questi anni sia dalla Regione Emilia Romagna con progetti di ampio respiro come “Materia paesaggio”, sia dall’Istituto Cervi con l’organizzazione delle sette edizioni della Summer school Emilio Sereni. “Esperienze avanzate – ha sottolineato Gabriella Bonini, responsabile della Biblioteca-Archivio di Emilio Sereni – che fanno dell’ambito emiliano una sede privilegiata per offrire indicazioni di contenuto e di metodo che possono valere anche a livello generale, nazionale, per diffondere una coscienza paesaggistica che non è solo un aspetto estetico, ma economico, etico e politico al tempo stesso”.

Per l’istituto Cervi sono intervenuti anche i professori Elena Corradini, Carla Danani, Emiro Endrighi, Carlo Tosco, Carlo Gemignani, Mario Calidoni, più Alberto Giombetti di C.I.A. nazionale.

Il Forum INSEGNARE IL PAESAGGIO si è svolto ad  EXPO MILANO – PALAZZO ITALIA – SALA MEETING – il 20 SETTEMBRE (ore 15-18)

La formazione e l’educazione per una cultura del paesaggio nell’eredità di Emilio Sereni e nell’esperienza della Regione Emilia-Romagna

Il nostro Paese ci offre un patrimonio enorme di paesaggi costruiti dall’uomo nel corso dei secoli, rappresentativi di chi li ha calpestati e vissuti lasciandovi l’impronta; essi costituiscono la nostra ricchezza, l’espressione della nostra identità culturale e l’immagine del Paese nel mondo.

Ancora attuale è il pensiero di Emilio Sereni per il quale il paesaggio è “quella forma che l’uomo, nel corso ed ai fini delle sue attività produttive agricole, coscientemente e sistematicamente imprime al paesaggio naturale” (E. Sereni, Storia del paesaggio agrario italiano, 1961).

L’impegno alla conoscenza, a ogni livello e grado, per contrastare i fenomeni di progressivo abbandono, di smisurata industrializzazione, di intensa urbanizzazione e di spreco che ne compromettono l’integrità e le possibilità di sviluppo, sono un impegno che dovrebbe accomunare chi fa formazione sul paesaggio e chi lo governa.

Il FORUM si propone di riflettere sul ruolo della formazione per aumentare la sensibilizzazione sul paesaggio e per migliorare gli strumenti dei quali ci dotiamo al fine di gestirne la qualità e di proporre economie virtuose.

L’obiettivo è quello di lasciare un contributo alla Carta di Milano sul ruolo della formazione per lo sviluppo di una cultura paesaggistica a partire dalle esperienze condivise dall’Istituto Alcide Cervi con la Regione Emilia-Romagna e discusse nell’incontro svolto nella sede dell’Istituto a Gattatico, Reggio Emilia, il 19 giugno scorso.

RELATORI

Mauro Agnoletti – Comitato scientifico Summer School Emilio Sereni 2015, Università di Firenze

Michele Alinovi – Assessore del Comune di Parma [Urbanistica, Lavori Pubblici, Energia, Edilizia Privata,T.S.O.]

Gabriella Bonini – Responsabile scientifico Biblioteca Archivio Emilio Sereni

Mario Calidoni – Comitato scientifico Istituto Cervi, MIUR esperto di educazione al patrimonio

Mirko Capuano – Assessore del Comune di Bertinoro (FC) [Turismo, Cultura, Relazioni Internazionali, Sistemi Informativi, Decoro Urbano]

Elena Corradini – Comitato scientifico Istituto Cervi, Università di Modena e Reggio Emilia

Carla Danani – Università di Macerata

Emiro Endrighi – Comitato scientifico Istituto Cervi, Università di Modena e Reggio Emilia

Mauro Fini – RER, Servizio Territorio Rurale e Attività Faunistico-Venatorie

Rossana Fornasier – Vicesindaco del Comune di Ziano Piacentino (PC) [Urbanistica, ambiente, turismo e cultura]

Anna Gammaldi – Dirigente Politiche di sviluppo e fondi strutturali, Formez PA

Carlo Geminiani – Università di Parma

Antonio Gioiellieri – ANCI ER

Alberto Giombetti – CIA – ufficio del Presidente Roma

Marco Giubilini – ANCI ER

Sandra Manara – Segretariato Regionale del MiBACT

Barbara Marangoni – Consulente Formez PA

Anna Mele – RER, Servizio Pianificazione urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio

Rossano Pazzagli – Comitato scienttifico Istituto Cervi, Direttore Summer School Emilio Sereni, Università del Molise

Stefano Piastra – Università di Bologna

Alex Pratissoli – Assessore del Comune di Reggio Emilia [Rigenerazione urbana e del territorio, Pianificazione urbanistica del paesaggio]

Alessandra Rossi – EDISU, Torino, Ente per il diritto allo studio universitario

Laura Schiff – Servizio Commercio, Turismo e Qualità Aree Turistiche

Albertina Soliani – Presidente Istituto Alcide Cervi

Carlo Tosco – Comitato scienttifico Istituto Cervi e Summer School Emilio Sereni, Politecnico Torino

Michele Zanelli – RER, Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative

ORGANIZZAZIONE A CURA DI:

Paola Capriotti – Consulente Formez PA
Daniela Cardinali – RER, Servizio Pianificazione urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio
Lorella Dalmonte – RER, Servizio Pianificazione urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio
Marcella Isola – RER, Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative
Maria Papadia – Segreteria organizzativa Istituto Cervi
Laura Punzo – RER, Servizio Pianificazione urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio
Lorenza Tizzi – Segreteria organizzativa Istituto Cervi
Emiliana Zigatti – Segreteria organizzativa Istituto Cervi

Check Also

Presentazione Quaderno 11 – PAESAGGIO NEL PIATTO > 11 giugno 2017

Presentazione del QUADERNO 11 dell’Istituto Alcide Cervi PAESAGGIO NEL PIATTO a cura di Gabriella Bonini …