“Addio, carissima Lidia”. Il ricordo di Albertina Soliani

 

È scomparsa a 96 anni Lidia Menapace: giovanissima staffetta partigiana, poi senatrice, grande testimone della Resistenza. Qui il ricordo di Albertina Soliani, Presidente dell’Istituto Alcide Cervi:

 

«Addio, carissima Lidia

Forte, coraggiosa, così vivace, sei un pilastro nell’Italia democratica.

Una donna della Repubblica, aperta sul mondo.

Messaggera di pace, con le donne. Ti ricordo a Pechino, con migliaia di donne da tutto il mondo, alla IV Conferenza Mondiale delle Donne promossa dall’ONU nel 1995.

Ma ancora prima, negli anni della mia giovinezza, ricordo i tuoi insegnamenti nei corsi di formazione delle donne democristiane. Una grande formazione politica, sempre un passo più avanti.

E poi, nel 1968, in un’aula della Università Cattolica di Milano, seduta sulla cattedra con le gambe a penzoloni, nel corso di un’assemblea di studenti, attenta e partecipe, sempre positiva.

Ricordo quel giorno buio della Repubblica nel 2006, quando, nel Senato, stavi per diventare Presidente della Commissione Difesa. Saresti stata una grande Presidente. Ti fu impedito dalla corruzione politica, un misfatto.

Hai sempre lottato, nel tuo nome continueremo. Resisteremo sempre, il cammino continua.

Ciao Lidia, grande democratica, giovanissima partigiana.

A Casa Cervi, che custodisce il tuo racconto, raccogliamo oggi il tuo testimone.

Grazie, grazie Lidia»

 

Albertina Soliani
Presidente Istituto Alcide Cervi
7 dicembre 2020

 

 

Qui alcune testimonianze video di Lidia Menapace contenute nel progetto Memorieincammino.it, che raccoglie storie di donne e di uomini nei luoghi dell’antifascismo, della guerra e della Resistenza.

 


 


 


 

Prova anche

“Storia della Famiglia Cervi: nuove visioni d’arte”: mostra aperta fino al 31 ottobre

Si intitola Storia della famiglia Cervi. Nuove visioni artistiche la mostra che porta alla evidenza del pubblico opere acquisite dal Museo Cervi in anni recenti. Si tratta di opere donate dagli artisti, nel solco di una tradizione che si consolida già nel primo dopoguerra quando sono tanti gli artisti che concorrono con la loro arte a trasmettere la storia e la memoria delle vicende legate alla Resistenza.