La Pastasciutta dei Cervi in piazza a Campegine

La pastasciutta distribuita dai Cervi in piazza a Campegine non fu solo un momento di festa, ma anche un modo simbolico per riappropriarsi del luogo principe della socialità cittadina
riconvertito da anni a spazio dedicato unicamente agli eventi legati al partito fascista. Nel 1931 furono vietati gli assembramenti di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico senza l’autorizzazione del Questore. In particolare furono vietate tutte le riunioni di stampo politico o che potessero apparire sediziose nei confronti dell’autorità.

Ben presto la piazza divenne un luogo dove celebrare il partito: era nelle piazze che si ascoltavano i discorsi del Duce o che i giovani prendevano parte al sabato fascista. I Cervi, più o meno coscientemente, si riappropriano di quello spazio distribuendo festosamente la pastasciutta alla popolazione di Campegine.

Quando gli stessi carabinieri si avvicinarono per disperdere l’assembramento non sapevano che fare: i giorni subito dopo il 25 luglio erano divenuti una terra grigia, non si capiva più quale regole valessero ancora e quali no. Alla fine anche loro si unirono ai festeggiamenti godendosi quell’apparente attimo di pace.

 

L’origine della Pastasciutta Antifascista

 

Sabato 25 luglio partecipa alla Pastasciuttata antifascista virtuale!  Come? A pranzo fotografa il tuo piatto di pasta, fai una storia taggando @istitutocervi e usando l’hashtag #pastaliberatutti. La condivideremo sui nostri social per creare un’enorme tavolata virtuale!

Vi ricordiamo i nostri canali social:


Museo Cervi
Istituto Alcide Cervi
Biblioteca Archivio Emilio Sereni

@istitutocervi

 

Fonte immagine copertina: Benvenuti a Campegine

Prova anche

Il Raccolto – 1980 • Punto a capo

Ascolta “Puntata 2 – 1980 • Punto a capo” su Spreaker.   Nuova puntata de …