La memoria non si piccona. Si ascolta.

Nelle stesse ore in cui tutto il mondo ricorda i settantacinque anni dall’apertura dei cancelli di Auschwitz, scoperchiando il baratro della deportazione e dello sterminio nazista, nelle nostra bassa reggiana ignoti sono andati a cercare in mezzo alla campagna di Guastalla la pietra di inciampo dedicata a Aldo Munari, internato militare italiano morto durante la prigionia a Colonia. L’hanno scovata in mezzo ai campi, davanti alla sua casa natale. E l’hanno picconata con odio e rancore.

È accaduto in una zona remota, che ha consentito un gesto codardo e indisturbato. E’ successo in via Confini, ma siamo davvero oltre i confini della umanità e della dignità. Oltraggio demente e inutile, perché gli estremi della storia di resistenza e sacrificio di Aldo si possono leggere ancora, quasi tutti. I picchettatori di odio hanno fallito anche qui.

Alcuni scherzi del calendario sono serissimi, come quelli di collocare una importante elezione regionale, proprio in questa terra, a ridosso della Giornata della Memoria e di questo fatto increscioso, ultimo di una serie incalzante di sfregi alle vittime della deportazione e dell’antifascismo.

In una consultazione che ha visto un ritorno all’attualità di antichi spettri e nuove urgenze democratiche, i cittadini hanno risposto con una grande partecipazione, con la consapevolezza, con la voglia di contare e di contarsi. E conta davvero ogni notizia, ogni scelta di umanità, ogni singolo atto di testimonianza. E conta anche ogni singola visita a Casa Cervi, una casa di democrazia, sapere e resistenza. Ora e sempre.

La memoria non si piccona. Si ascolta.

ISTITUTO ALCIDE CERVI

Prova anche

Un video per ricordare don Pasquino Borghi nell’anniversario della sua fucilazione

  Il 30 gennaio 1944 moriva don Pasquino Borghi. Lo ricordiamo con un video per …