Home > Archivio iniziative > archivio ricerca > Presentazione RS-Ricerche Storiche n. 124 con due saggi sui Cervi > 1 febbraio 2018

Presentazione RS-Ricerche Storiche n. 124 con due saggi sui Cervi > 1 febbraio 2018

Giovedì 1 febbraio ore 18 allo Spazio Gerra (piazza XXV Aprile, Reggio Emilia)

Presentazione del nuovo numero di “RS-Ricerche Storiche” a cura di Istoreco

“RS-Ricerche Storiche”, la rivista di Istoreco, rinnovata nella sua veste grafica e giunta nel suo 50° compleanno al n. 124, edita da corsiero editore propone diversi saggi di indubbio interesse storico ma che possono sollecitare la curiosità anche di chi storico non è.

 

In questo speciale numero della rivista, Antonio Zambonelli in “Come si svolsero i funerali dei sette fratelli Cervi” recupera le foto inedite dei funerali dei Fratelli Cervi che si svolsero a Reggio Emilia nell’ottobre 1945, a quasi due anni dalla loro fucilazione, e ci racconta di un evento che in città produsse una forte commozione. Scorrono le immagini di com’era piazza della Vittoria, di Porta Santo Stefano, di chi c’era sul palco per i discorsi ufficiali, di chi apriva il corteo funebre.

A seguire un altro saggio dedicato alla memoria dei Cervi. Uno vero è proprio scoop su un oggetto misterioso che sarebbe potuto atterrare ai Campi Rossi di Campegine, dove la famiglia Cervi aveva continuato a vivere e lavorare. Lo rivela Laura Artioli in “Un futuro accampamento lunare: il mausoleo mancato di casa Cervi”; i disegni che corredano il saggio mostrano una costruzione a cui nessuno poteva negare che si trattasse di un lavoro d’impatto e che assomigliasse… allo Sputnik!

Due saggi, successivi, raccontano di due episodi, seppur temporalmente distanti di oltre trent’anni, che vedono Reggio Emilia al centro di indagini di intelligence. Giacomo Iocundo Prencipe in “1949 Cia: Reggio Emilia capitale della rivoluzione comunista” – secondo l’agenzia americana il PCI reggiano era armato di tutto punto – e Alberto Ferraboschi, “Progetti insurrezionali e ordine pubblico a Reggio Emilia alla vigilia della Grande Guerra” – un fantomatico anarchico scrive da Paterson (New Jersey) al ministero dell’Interno che a Reggio si starebbe preparando l’insurrezione.

Nel fascicolo si possono trovare biografie di partigiani come Ettore Guidetti, a cui è stata dedicata un Pietra d’inciampo, e del generale Roveda Stani, di soldati imprigionati dai tedeschi come Domenico Torelli; scoprire dell’incontro fra il comunista reggiano Aldo Magnani e Antonio Gramsci nel carcere di Turi (Bari) e della vita della famiglia ebrea Levi.

Prova anche

Archivio Famiglia Cervi: progetto di intervento > dal 23 ottobre 2017 al 26 marzo 2018

Alla luce di un rinnovato interesse di studio e di ricerca sulla vicenda della famiglia …