Home > CITTADINANZA > L’ISTITUTO CERVI RIUNITO NELLE ZONE DEL SISMA > 30 settembre 2017

L’ISTITUTO CERVI RIUNITO NELLE ZONE DEL SISMA > 30 settembre 2017

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E IL CONSIGLIO NAZIONALE
DELL’ISTITUTO CERVI RIUNITO NELLE ZONE DEL SISMA

L’Istituto Cervi è prima di tutto una rete di territori e di comunità, associate attorno alla memoria e ai valori dell’antifascismo, della democrazia, alla conoscenza del paesaggio agrario.
Uno dei comuni associati all’Istituto Cervi, ormai da anni, è Caldarola, in provincia di Macerata seriamente colpito dal sisma dello scorso ottobre.
Con la ferma volontà di portare un messaggio di vicinanza e sostegno culturale concreto, il Consiglio di amministrazione e il Consiglio nazionale dell’Istituto di Casa Cervi si è dato appuntamento proprio a Caldarola, il prossimo sabato 30 settembre, per una seduta straordinaria dei propri organismi riuniti, cui partecipaeranno anche i Revisori e il Comitato dei Garanti.
Tutte le cariche istituzionali di Casa Cervi, dunque, convocate a sostegno simbolico e non solo presso la struttura della Protezione Civile di Caldarola, che oggi funge da riferimento per la comunità faticosamente ricostruita dopo il terribile sisma dello scorso anno.
Sarà l’occasione per incontrare il Sindaco di Caldarola, l’ANPI Marche, e i rappresentanti della comunità marchigiana che, già legata al Cervi da numerosi rapporti, oggi sta lottando per tenere unito il tessuto sociale, il paesaggio umano, la memoria e l’identità di un territorio così segnato dal disastro naturale, che rischia di spezzare legami antichi, fili di memoria non solo resistenziali.
Nei punti all’ordine del giorno della riunione, oltre all’ascolto delle voci locali che da vicino stanno tenendo unite le comunità colpite, ci saranno gli impegni dell’Istituto per realizzare una rete di attività e luoghi dall’Italia antifascista, che si contrappone quotidianamente con un messaggio positivo all’ “Italia nera” a cui spesso la cronaca riserva ampio spazio. Questa appartenenza alla famiglia antifascista, alla grande tradizione e alla memoria democratica delle comunità è un patrimonio che va coltivato con tutti i soci dell’Istituto, specialmente nei monti di grande difficoltà come quello che sta affrontando la comunità marchigiana e del centro Italia.

L’ISTITUTO ALCIDE CERVI

PROGRAMMA SABATO 30 SETTEMBRE 2017
presso i locali della Protezione Civile di Caldarola (Sede provvisoria del Comune)

Ore 11,30 – Incontro con le Istituzioni locali, l’ANPI, le Associazioni e la comunità
Ore 14,30 – Riunione del Consiglio di Amministrazione insieme agli altri organismi dell’Istituto con il seguente ordine del giorno:
1. Il contributo dell’Istituto Alcide Cervi per una memoria al servizio della ricostruzione.
2. Creazione di una rete sociale e sul web di antifascismo attivo e democratico.
3. Report dei primi mesi di associazione individuale all’Istituto e strategia di sviluppo.
4. Varie ed eventuali.

Check Also

Praticare memoria, ricostruire partecipazione nell’Appennino del terremoto

“Se non resistiamo a questo a che cosa resistiamo?” Giorgio Roselli, ANPI Caldarola L’Istituto Cervi …