Home > MEMORIA > La Festa del Lavoro al Museo Cervi > 1 maggio

La Festa del Lavoro al Museo Cervi > 1 maggio

Domenica 1 maggio 2016

in occasione della Festa del Lavoro al Museo Cervi dalle ore 15

un pomeriggio dedicato al lavoro, alle donne e alle tradizioni

insieme al Gruppo “Vecchi Mestieri di Barco di Bibbiano“ per toccare con mano alcuni antichi mestieri che hanno attraversato la vita delle campagne e dei contadini e che sono rappresentati nell’allestimento espositivo del Museo Cervi

e in Sala della Solidarietà del Museo Cervi la giornata conclusiva della mostra  “Donne e lavoro. Un’identità difficile“ promossa dall’IBC, Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi.

Dalle ore 15 il “Gruppo Vecchi Mestieri di Barco di Bibbiano“ riporterà in vita il telaio esposto a Casa Cervi dando dimostrazione dell’antica pratica delle tessitura e della lavorazione della lana e della canapa. Facendo riferimento agli oggetti esposti a Casa Cervi verranno riproposti altri antichi mestieri come l’impagliatura delle sedie.

L’iniziativa non intende essere una mera rievocazione ma un’occasione per riproporre uno spaccato della vita nelle campagne e dei lavori che vi si conducevano, guardando all’esperienza della famiglia Cervi e ai processi di modernizzazione che gia negli anni ’30 del secolo scorso avevano avviato.

Domenica 1 maggio è inoltre la giornata conclusiva della mostra “Donne e lavoro. Un’identità difficile“ promossa dall’IBC, Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi.

“Donne e Lavoro” è frutto di una ricerca, a cura di Rossella Ropa e Cinzia Venturoli, che ripercorre i tempi e le fasi della inclusione/esclusione femminile nel mondo del lavoro, individuandone cause e ragioni. Dalla difficoltà di accedere ad occupazioni ritenute ‘naturalmente maschili’ di fine Ottocento – inizio Novecento, si passa a delineare il riconoscimento ad esercitare tutte le professioni ottenuto dopo la prima guerra mondiale, riconoscimento tuttavia negato durante il periodo fascista, e si arriva infine al raggiungimento della parità duramente conquistata con le lotte degli anni 1950-1960.

La mostra indaga il difficile processo di emancipazione e di crescita dell’autocoscienza e del ruolo delle donne nel mondo del lavoro, ma anche le lotte per una società con più diritti, con più parità, con maggiore coesione e giustizia sociale portate avanti a caro prezzo da molte donne coraggiose in tutto il mondo. Quel lungo processo di crescita è ancora in atto, mentre gli effetti della crisi che stiamo vivendo sviliscono il mondo del lavoro colpendo con più ferocia le donne.

Check Also

In ricordo di Luciano Guerzoni (di Albertina Soliani)

Ci ha lasciato in queste ore Luciano Guerzoni, vicepresidente nazionale dell’ANPI e uomo della politica …