Home > MEMORIA > Il portale multimediale dell’Istituto Cervi: memorieincammino.it

Il portale multimediale dell’Istituto Cervi: memorieincammino.it

Memorieincammino.it nasce dalla volontà di rappresentare, attraverso le fonti, la grande varietà e complessità della memoria italiana inerente alla storia della prima metà del Novecento. Il Fascismo, l’Antifascismo, la Seconda Guerra Mondiale, la deportazione e la Resistenza sono i temi attorno a cui ruota il progetto in un ideale segmento cronologico che va dal 1922 al 1945.

schermata MIC

L’Istituto Cervi e il suo principale partner di Memorieincammino.it, Cassa Padana BCC, hanno unito le loro forze e competenze per realizzare una piattaforma multimediale online, che rappresentasse un punto di svolta tecnologico nel modo di fruire dei contenuti storici da parte degli utenti.

Tre i principali obiettivi del portale memorieincammino.it:

  • Rappresentare la dimensione nazionale dell’Istituto Alcide Cervi in tutta la sua ampiezza, in un sito che possa accogliere fisicamente i contributi degli oltre 150 soci istituzionali in tutta Italia, e dare conto della complessità di questa rete di territori dal Piemonte alle Marche, dall’Emilia alla Sicilia. E da questa base sociale, aprirsi a nuove realtà, a contributi di altre istituzioni, associazioni e singoli cittadini che vorranno partecipare alla tessitura di questa rete digitale di storie.
  • Dare cittadinanza alla grande varietà di memorie che le comunità italiane custodiscono, spesso confinate nei territori, se non del tutto sconosciute. La base sociale dell’Istituto è costituita in larga parte da piccoli comuni, insieme a grandi città e istituzioni locali più vaste, come regioni e provincie. Queste piccole realtà sono sempre “portatrici sane” di storie straordinarie, popolazioni toccate dalla guerra, attraversate dai segni del regime fascista, così come dalle esperienze di antifascismo, fino a diffusi fenomeni di resistenza civile e di partigianato attivo. È un vero e proprio mosaico di memorie che compone un’identità storica nazionale, di cui si coglie il radicamento solo vivendole in relazione con tutte le altre.
  • Stabilire un salto di qualità tecnologico e semantico della memoria italiana, attraverso uno strumento digitale evoluto e in constante mutamento. È stata chiamata “mediamorfosi della memoria”, con l’intento dichiarato di portare nel XXI secolo il bagaglio di conoscenze e di esperienze delle diverse generazioni di Italiani. Per comunicare con i cittadini di oggi, la scelta del web da sola non è più sufficiente: occorre reinventare le modalità di lettura e di fruizione dei contenuti, di ieri, di oggi e di domani, utilizzando tutti gli strumenti di condivisone sociale ed interconnessione globale a nostra disposizione. La chiave di volta tecnica di memorieincammino.it sta nella sua architettura di rete, una trama semantica e di georeferenza costante che collega eventi diversi, storie apparentemente distanti, avvicina luoghi e comunità nel medesimo contesto storico e li unisce nel percorso naturalmente percepibile ed immediatamente fruibile di memorieincammino.it

Memorieincammino.it non è un archivio di documenti, ma ne rispetta il rigore metodologico. È piuttosto un’esperienza virtuale attraverso la storia e i luoghi, un viaggio tra biografie, eventi, temi e soprattutto fonti storiche strettamente legate ai territori di provenienza.

E all’interno del percorso museale la sala Cammini nella Memoria

l’installazione permanente al Museo Cervi

a disposizione delle scuole a fini didattici e formativi.

Check Also

In ricordo di Luciano Guerzoni (di Albertina Soliani)

Ci ha lasciato in queste ore Luciano Guerzoni, vicepresidente nazionale dell’ANPI e uomo della politica …