Home > RICERCA > Fondo Sereni

Fondo Sereni

Fondo librario dato in gestione all’Istituto Cervi dallo stesso Emilio Sereni nel 1972, all’atto della sua costituzione.

L’Archivio di documentazione (1000 buste circa, contenenti documenti sciolti oppure raccolti in fascicoli): riflette la vastità degli interessi di Sereni, solito ricercare, collezionare e catalogare una mole enorme di libri e di periodici. Nell’archivio sono, difatti, raccolti materiali tipologicamente diversi (tratti da opuscoli o da libri, articoli estrapolati da riviste specializzate, da ritagli di giornale e, talora, da documenti non a stampa) ma uniti da un nesso tematico. Tale archivio sui generis è suddiviso in due sezioni: la prima (600 buste) è relativa a temi politico-economici (ma anche geografici, archeologici, linguistici, etnografici, folclorici, sociologici, ecc.); la seconda (409 buste) riguarda argomenti di carattere agrario.

Le buste, che conservano il titolo dato loro originariamente dallo stesso Sereni, sono ordinate alfabeticamente. Di ognuna si conoscono gli estremi cronologici e il numero dei pezzi che contiene (in totale oltre 63.000).

scarica -> ELENCO DENOMINAZIONE BUSTE

CONTENUTO DEL FONDO EMILIO SERENI:

Illustrazioni di storia agraria (buste 4): una raccolta di fotografie di paesaggi, illustrazioni, riproduzioni di opere d’arte, tratte da libri e riviste e altro materiale iconografico. Su tali fonti figurative Sereni ha in gran parte lavorato per documentare e ricostruire la storia del paesaggio agrario italiano.

Note e appunti (buste 9): carte di lavoro, note bibliografiche su argomenti di diversa natura, raccolti per una successiva elaborazione. Si segnalano: uno schema articolato di uno studio sull’aratro dalla preistoria all’età romana; uno schema per uno studio sul rapporto città-campagna nella storia italiana; alcune riflessioni su problemi di estetica e su alcuni classici della letteratura (Paul Valéry, Eschilo, Lucrezio, Lope de Vega, ecc.). Fra queste carte fu rinvenuto il manoscritto inedito, intitolato «Il debbio», pubblicato nel n.1, 1979 degli Annali dell’Istituto Alcide Cervi5.

Il fondo Sereni, inoltre, contiene una raccolta di documenti (13 buste), relativi all’attività politica svolta da Sereni dal secondo dopoguerra in poi.

Carte Pci: sono 121 documenti relativi all’attività provinciale e regionale del Pci; materiali preparatori e tesi per l’VIII, IX e X congresso nazionale; documenti prodotti dalle diverse sezioni della direzione e da altri organismi. Si segnalano la minuta manoscritta di Togliatti su: Elementi per una dichiarazione programmatica (Roma, 1956) e l’intervento di Sereni all’VIII congresso.

Carte delle organizzazioni contadine: documenti di diversa natura prodotti dalla Alleanza nazionale dei contadini (1954-1965), dalla Associazione nazionale Coltivatori Diretti (1954-1958), dall’Alleanza coltivatori siciliani (1956-1964), dalla Federazione nazionale braccianti e salariati agricoli-Cgil (1948-1962), dalla Federazione nazionale mezzadri e coloni-Cgil (1957-1963), dall’Associazione nazionale cooperative agricole (1954-1962). Si segnalano, in particolare, le carte relative all’attività di patronato gestito dall’Alleanza nazionale dei contadini, che offrono diversi spunti sui problemi dell’assistenza ai coltivatori diretti nel periodo compreso tra il 1961 e il 1965, e una preziosa serie di contratti di affitto, alcuni dei quali risalenti al periodo fascista.

Carte Consigli di gestione: documentazione (corrispondenza, relazioni, progetti, materiale a stampa, ecc.) risalente agli anni 1945-47, pervenuta a Sereni durante il suo lavoro di direzione dei Consigli di gestione.

Carte Iri: documenti (note, relazioni, verbali, ecc.), relativi alla situazione economica dell’Iri negli anni 1944-1947 e all’attività dei Consigli di gestione e delle Commissioni interne delle aziende del gruppo.

Vi sono, infine, alcuni documenti, in copia, del Clnai (1944-1945); il memoriale di Agostino Rocca (1945) e documentazione varia su Alberto Pirelli (1945).

vai alla CONSULTAZIONE ONLINE:

-> Archivio Emilio Sereni 1927 – 1979

-> Archivio storico nazionale dei movimenti contadini italiani 1944 – 1977

Prova anche

Nuovi orari di apertura del Museo Cervi > dal 1° novembre 2017

A partire dal 1° novembre il Museo Cervi sarà aperto al pubblico con l’orario invernale dal 1° novembre …